Comunicato stampa INPS del 16 agosto 2016
 
E’ previsto dall’articolo 29 del decreto legge 23 giugno 1995 n. 244 e dalle sue successive integrazioni, che entro il 31 luglio di ogni anno il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali confermi o ridetermini la misura dello sgravio contributivo nel settore dell’edilizia, mediante decreto assunto di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze.
La normativa prevede, che decorsi 30 giorni dal 31 luglio e sino all'adozione del decreto si applichi la riduzione già determinata per l'anno precedente, salvo conguaglio.
Poiché nel periodo suddetto il decreto non è intervenuto, dal 1° settembre 2016 le aziende potranno inoltrare l’istanza per accedere al beneficio nella misura fissata per il 2015, pari al 11,50%.
Il Messaggio n. 3358 del 10 agosto 2016 ricorda che hanno diritto all’agevolazione contributiva i datori di lavoro classificati nel settore industria con determinati codici statistici contributivi e ne sono escluse le attività edili che curano le opere di installazione di impianti elettrici, idraulici e altri lavori simili, contraddistinte da codici non autorizzati.
Lo sgravio fiscale è applicabile per i periodi di paga da gennaio a dicembre 2016.
Le istanze finalizzate all’applicazione della riduzione contributiva nel settore dell’edilizia relativamente all’anno 2016 devono essere inviate esclusivamente in via telematica avvalendosi del modulo “Rid-Edil”, disponibile all’interno del cassetto previdenziale aziende, nella sezione “comunicazioni on-line”, funzionalità “invio nuova comunicazione”.

L'Agenzia delle Entrate - nell'ambito del Forum Italiano sulla Fatturazione Elettronica e l'eprocurement -   ha avviato la fase di test della Fatturazione Elettronica tra privati (aziende, professionisti, artigiani) - che prenderà facoltativamente il via il prossimo primo gennaio - per il tramite del Sistema di Interscambio per la fattura elettronica, piattaforma già in uso per l’invio delle fatture elettroniche alla Pubblica Amministrazione. Il sistema di interscambio ideato dalla SOGEI - società in-house del MEF permetterà  l’invio gratuito delle fatture elettroniche anche B2B. La fase di sperimentazione durerà sino alla metà del prossimo mese di ottobre. Sulla base dei feedback ricevuti la Sogei individuerà le implementazioni da sviluppare e le criticità da risolvere.

Comunicato stampa ABI del 23 luglio 2016
 
Nel Rapporto annuale di ABI Lab il punto sullo sviluppo e sulle potenzialità della banca in “mobilità”.
5,5 milioni gli utenti attivi della banca in “mobilità” nel 2015, con una crescita del 15% sull'anno precedente.
Nel 2015 è avvenuto il sorpasso delle connessioni in mobilità degli Italiani rispetto a quelle con Personal computer (Pc), a dimostrazione di come, con la forte diffusione di smartphone e tablet, la vita digitale degli italiani si sia spostata sempre di più sui dispositivi mobili. In linea con questa tendenza le banche garantiscono una presenza forte, completa e differenziata, per calibrare l’offerta con le aspettative sempre crescenti ed evolute del cliente mobile. Il rapporto annuale, realizzato da ABI Lab, il Consorzio per la Ricerca e l’Innovazione per la banca promosso dall’ABI, in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano, fa il punto sullo sviluppo e sulle potenzialità del mobile banking. L’indagine è stata condotta su un campione di banche rappresentativo di circa il 50% del mondo bancario.
 
L’offerta di mobile banking
Il 64% degli utenti attivi su canali mobile utilizza il servizio da Smartphone (2,9 milioni), il 27,5% dal sito mobile (1,2 milioni), mentre il restante 8,5% dal Tablet (460 mila). Si evidenzia che nel 2015 il 29% degli utilizzatori di home banking tramite PC utilizza anche lo smartphone per accedere ai servizi bancari, con una crescita del 22% rispetto al 2014.
Secondo lo studio ABI Lab, tutte le banche offrono Applicazioni per i due sistemi operativi più diffusi sul mercato (iOS e Android), mentre il 64% è già posizionata anche su Windows. Accanto all‘applicazione classica che si può facilmente scaricare sullo Smartphone e sul Tablet, il 68% delle banche offre un’App ad hoc per la compravendita di strumenti finanziari; il 45% un’App che consente di effettuare o accettare pagamenti elettronici con carte di credito o debito collegando il dispositivo mobile al POS; mentre il 41% ne ha una dedicata a servizi di pagamenti diretti tra persone (p2p) e una per la gestione della finanza personale. Sono presenti anche App per i servizi di assistenza ai clienti (33%), per il borsellino elettronico, ossia per il cosiddetto wallet (27%) e per la comunicazione (14%). Al di là della crescente diffusione di App dedicate, si registra una continua introduzione di nuove funzionalità e un ampliamento dei sistemi operativi supportati.
 
Servizi più usati dai clienti di mobile banking
Negli ultimi anni si è verificata una vera e propria esplosione nell’utilizzo di applicazioni per smartphone e tablet. Su ogni dispositivo mobile sono installate mediamente circa 30 App (32 nel caso dello Smartphone e 28 per i Tablet). Tra le App installate quelle che sono utilizzate almeno una volta al mese sono in media 10 nei Tablet e 13 per gli Smartphone, mentre oltre un terzo delle applicazioni installate su un dispositivo mobile vengono sfruttate solo una o due volte in tutto.
Tra le funzionalità dispositive quasi tutte le banche offrono la possibilità di pagare i bollettini (82% su smartphone, 87% su tablet). Tra gli altri servizi, spiccano i trasferimenti di denaro tra persone e i prelievi da sportelli automatici senza l’utilizzo della carta che, stando alle previsioni delle banche, tra 3 anni saranno presenti su più di 8 realtà su 10.
 
Sicurezza e mobile banking
Dalla ricerca emerge che, a fronte del crescente utilizzo di smartphone e tablet da parte della clientela, le banche hanno introdotto, in linea con quanto fatto per il canale di Internet banking, strumenti in grado di monitorare eventuali anomalie rispetto a transazioni condotte via App o altre piattaforme Mobile (61%), di effettuare un’analisi di semplice accesso al sito mobile (54,5%) e alla App (43%) o di rilevare malware (codice che può permettere al truffatore l’accesso ad informazioni riservate) nei dispositivi mobili dell’utente (25,1%). Inoltre alcune banche sono in grado di monitorare in rete anche la presenza di App clone realizzate da cybercriminali, con l’intento di sottrarre informazioni sensibili o denaro dai conti delle vittime.
Operazione di leasing, le scritture contabili per il locatario indipendentemente dalla qualificazione dello stesso.
Alla firma del contratto di leasing si rileverà, nel sistema degli impegni (conti d'ordine), l'operazione di leasing con la seguente scrittura:
Dare: Autocarri in leasing - Avere Cedenti autocarri in leasing
 
Al  momento del ricevimento della fattura del maxicanone registreremo in dare nella voce del conto economico B8) Canoni di leasing, l'importo imponibile e nella voce dello stato patrimoniale C II 4-bis) crediti tributari, l'IVA. In contropartita nel conto avere troveremo la voce dello stato patrimoniale D7) Debiti V/fornitori. Si provvederà anche a stornare il maxicanone nel sistema degli impegni con la scrittura che prevede in dare il conto Cedenti autocarri in leasing e in avere il CO) Autocarri in leasing.
 
Al 31 dicembre di ogni anno rileveremo tra i risconti attivi il rinvio del costo ai futuri esercizi con la scrittura contabile che prevede in dare la voce dello stato patrimoniale D) risconti attivi e in avere lo storno della voce del conto economico B8) Canoni di leasing.
Il nostro legislatore ha definito lo schema obbligatorio di bilancio negli articoli 2424 e 2425 del Codice civile. Di seguito si riporta lo schema previsto.
 
STATO PATRIMONIALE
 
ATTIVO
 
A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti
 
B) Immobilizzazioni
 
I Immobilizzazioni immateriali
 
1) costi di impianto e di ampliamento
2) costi di ricerca, sviluppo e pubblicità
3) diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione opere ingegno
4) concessioni, licenze, marchi e diritti simili
5) avviamento
6) immobilizzazioni in corso e acconti
7) altre
 
Totale immobilizzazioni immateriali
 
II Immobilizzazioni materiali
 
1) terreni e fabbricati
2) impianti e macchinario
3) attrezzature industriali e commerciali
4) altri beni
5) immobilizzazioni in corso e acconti
 
Totale immobilizzazioni materiali
 
III Immobilizzazioni finanziarie

Il mondo che ci circonda è oggi in continuo e veloce cambiamento. Basti pensare alla globalizzazione, ad internet, all’impatto dei social network, alle nuove tecnologie, alle nuove fonti di energia, alla recessione e così via.
La trasformazione mondiale in atto comporta anche l’affermarsi di un nuovo paradigma economico che naturalmente si sta affermando anche in Italia (parte integrante del nuovo villaggio globale). 

 
Si impone sempre più una “Networked Economy” che vede il tramonto dello slogan degli anni settanta “piccolo è bello” e nella quale la “fabbrica” perde il suo ruolo centrale ed invece la produzione e la sperimentazione di “Conoscenza Condivisa” diviene un indispensabile fattore di successo, “moneta” e risorsa chiave.  
Questo nuovo paradigma economico impone un cambio anche di paradigma organizzativo, sempre più flessibile ed innovativo. 

 
Da qui le reti di impresa come nuova forma organizzativa che permette alle micro e piccole imprese di fare massa critica intorno a progetti scaturiti dalla cooperazione tra aziende differenti che si collegano in rete fra loro per la durata di un dato progetto sfruttando una “economia basata sul sapere”, fatta di conoscenze e di relazioni, per produrre un nuovo valore, per accrescere individualmente e collettivamente la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato - pur mantenendo la loro autonomia ed indipendenza.
 
La rete diventa “un salto culturale”, efficace strumento di politica industriale per affrontare al meglio un periodo di recessione e di cambiamento e un’importante occasione per evolvere anche sotto il “profilo imprenditoriale”.

Comunicato stampa Agenzia delle Entrate del 4 agosto 2016
 
Arrivano i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulla disciplina delle Controlled Foreign Companies (CFC). Con la circolare n.35/E di oggi, vengono esaminate le modifiche ai criteri di individuazione dei Paesi a fiscalità privilegiata, il trattamento degli utili provenienti da questi Paesi e la disciplina del credito d’imposta estero. Le ultime novità normative, infatti, hanno comportato importanti implicazioni, sia ai fini del regime di tassazione per trasparenza dei redditi prodotti dalle società controllate, sia ai fini della tassazione degli utili provenienti dai cosiddetti paradisi fiscali.
Individuazione dei regimi fiscali privilegiati - La circolare fornisce chiarimenti in merito ai criteri di individuazione dei regimi fiscali privilegiati a partire dal primo gennaio 2016, ora basati esclusivamente sul livello nominale di tassazione inferiore al 50 per cento di quello applicabile in Italia e non più sul sistema formale di inclusione di un Paese nella black list, illustrando anche i criteri valevoli fino al periodo d’imposta 2014 e per il periodo d’imposta 2015. Al riguardo, l’esclusione degli Stati membri dell’Unione Europea o dello Spazio Economico europeo che garantiscono un adeguato scambio di informazioni dalla nozione di regimi fiscali privilegiati, prevista dalla legge di Stabilità 2016, è stata estesa in via interpretativa anche all’esercizio 2015. Inoltre, vengono illustrati gli effetti dell’abrogazione dell’articolo 168-bis del TUIR.
Le novità in materia di CFC - A seguito dell’introduzione di nuovi criteri di individuazione dei regimi fiscali privilegiati, la circolare adegua, in via interpretativa, la dimostrazione dell’esimente di cui al comma 5, lettera b), dell’articolo 167 del TUIR. A tal fine, la mancanza di intenti o effetti elusivi, alla base dell’investimento all’estero, si considera dimostrata qualora il contribuente provi che il carico fiscale estero è almeno pari al 50 per cento della tassazione nominale italiana o della tassazione effettiva che la controllata avrebbe scontato laddove fosse stata residente in Italia. Vengono pertanto superati i chiarimenti resi nella circolare n.51/E del 2010.
Il documento di prassi, inoltre, fornisce chiarimenti in merito alle disposizioni speciali extra TUIR applicabili ai fini della determinazione del reddito estero da imputare al socio e illustra l’abrogazione dell’articolo 168 del TUIR, che estendeva il regime CFC anche alle società collegate, nonché il regime transitorio tra la vecchia e la nuova disciplina.
Disciplina degli utili provenienti da regimi fiscali privilegiati - La circolare fornisce chiarimenti anche sulla nozione di utili “provenienti” e precisa il trattamento di dividendi e plusvalenze che sono espressione di utili pregressi, dando rilevanza al criterio vigente al momento della loro percezione, che deve essere soddisfatto anche rispetto all’esercizio di maturazione dell’utile. Vengono forniti, inoltre, dettagli sui presupposti e sulle modalità applicative del credito d’imposta indiretto concesso al socio residente che abbia ottenuto la disapplicazione della CFC rule in base alla prima esimente.
Obblighi dichiarativi - Venuto meno l’obbligo di presentare istanza di interpello ai fini della disapplicazione della CFC rule, è istituito un nuovo obbligo a carico del socio controllante di segnalare nel quadro FC del Modello Unico le proprie partecipazioni CFC nei casi in cui non abbia richiesto la disapplicazione della disciplina in esame o, anche avendolo fatto, abbia ricevuto parere negativo dall’Amministrazione fiscale. Sul punto, la circolare specifica che il dichiarante sarà tenuto ad indicare solo l’utile o la perdita del periodo di esercizio della controllata estera, senza doverne rideterminare il reddito. Analogo obbligo di segnalazione in dichiarazione dei redditi è imposto nel caso di percezione di utili e plusvalenze prodotti in Paesi a regime fiscale privilegiato.
Credito d’imposta estero - La circolare illustra, infine, come il decreto internazionalizzazione abbia facilitato la fruizione del credito d’imposta estero per tutti i contribuenti, a prescindere dalla tipologia di reddito/investimento effettuato all’estero.
Comunicato stampa Unioncamere del 20 luglio 2016
 
A quota 6mila l’universo degli innovatori italiani
Oggi è più facile ed economico costituire una startup innovativa in forma di società a responsabilità limitata. Basta collegarsi alla piattaforma startup.registroimprese.it, realizzata da Unioncamere e InfoCamere, per compilare e firmare digitalmente l’atto di costituzione “standard”, da oggi disponibile online.
La novità rende operativo quanto disposto dal decreto direttoriale del Ministero dello sviluppo economico del 1 luglio 2016 che ha approvato le specifiche tecniche per la struttura del modello informatico. Si tratta di una nuova opportunità che rientra nell’ambito delle policy che il Ministero sta realizzando, in collaborazione con il sistema camerale, per promuovere le startup innovative. Un’opportunità alternativa a quella ordinaria per atto pubblico che potrà comunque essere scelta qualora si preferisse essere assistiti da un professionista.
Il modello standard può essere redatto attraverso software disponibili sul mercato, oppure con il servizio "base" delle Camere di commercio, secondo i dettami della normativa vigente. Il servizio consente di predisporre per via telematica un atto costitutivo startup in forma di S.R.L. in modo semplice e guidato, secondo i dettami della normativa vigente. Il documento informatico firmato digitalmente deve essere presentato per l’iscrizione al registro delle imprese dell’ufficio territorialmente competente, entro il termine di 20 giorni dalla sottoscrizione.
Un servizio di assistenza online attivo nel periodo iniziale supporterà i futuri startupper nella fase di registrazione dell'atto, compilazione e trasmissione della pratica di Comunicazione Unica al registro delle imprese. Informazioni e supporto alla costituzione della propria startup si potranno comunque ottenere presso ogni Camera di Commercio.
feed-image Feed Entries