Elenco esemplificativo pratiche telematiche eseguibili:

Deposito bilancio (XBRL inviato dal cliente)

Deposito bilancio con redazione XBRL

Deposito bilancio (senza allegati XBRL)

Deposito bilancio cooperative 

Deposito bilancio cooperative con redazione XBRL

Allegato XBRL

Redazione XBRL con Nota integrativa

Redazione della sola istanza XBRL con Nota integrativa

Deposito Elenco Soci o Consorziati

Pubblicità delle società soggette all'altrui attività di direzione e coordinamento

Iscrizione impresa nel registro delle START-UP

Comunicato stampa Agenzia delle Entrate del 17 ottobre 2016
 
La successiva cessione dei beni non è abuso del diritto
Gli immobili appartenenti a società che si trovano in fase di liquidazione rientrano nel regime agevolato di assegnazione dei beni ai soci. L’eventuale cessione degli immobili, effettuata dai soci in un momento successivo all’avvenuta assegnazione, è da considerarsi fiscalmente legittima, non configurando un’ipotesi di abuso del diritto (prevista dall’articolo 10-bis della legge 212/2000). È questo il chiarimento fornito con la risoluzione n. 93/E di oggi dell’Agenzia delle Entrate, in materia di assegnazione dei beni ai soci con successiva cessione a terzi.
I beni ammessi al regime di favore - La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto un regime fiscale agevolato di carattere temporaneo per consentire l’estromissione dalle imprese degli immobili diversi da quelli strumentali per destinazione, e la loro assegnazione agevolata ai soci; la disciplina di favore prevede il pagamento di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap, pari all’8 per cento, ovvero al 10,5 per cento per le società non operative o in perdita sistematica. Il documento di prassi precisa che, nel momento in cui viene aperta la fase di liquidazione, la società non svolge più attività d’impresa e si è in presenza di una mera fase finalizzata alla cessazione delle operazioni; gli immobili assegnati ai soci, non essendo più utilizzati nel ciclo produttivo dell’impresa, e non rientrando più, dunque, tra quelli strumentali per destinazione, possono fruire del regime agevolato.
Il risparmio d’imposta è legittimo - La disciplina agevolativa favorisce la fuoriuscita di quei beni, non direttamente utilizzati nell’esercizio dell’attività imprenditoriale, per i quali non sussistono immediate condizioni di impiego favorevoli ma che potrebbero essere, in seguito, nuovamente immessi nel mercato. La risoluzione chiarisce che, nel momento in cui viene aperta la fase liquidatoria, l’assegnazione agevolata degli immobili ai soci e la successiva cessione degli stessi a terzi, non si pongono in contrasto con le finalità delle norme fiscali o con i principi dell’ordinamento. In particolare, queste operazioni, non comportando la realizzazione di un indebito vantaggio fiscale, non configurano un’ipotesi di abuso del diritto (articolo 10-bis della legge 212/2000), bensì un legittimo risparmio d’imposta.
I marchi sono iscritti tra le immobilizzazioni immateriali al costo. Non sono iscrivibili i marchi acquisiti a titolo gratuito, che, quindi, non possono costituire oggetto di ammortamento.
A seguito delle variazioni apportate dal D.L. n. 223/2006, convertito dalla Legge 4 agosto 2006 n. 248, sono mutati, dal 2006, i criteri di ammortamento fiscale dei marchi, nonché dei brevetti e degli altri diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno. La quota massima fiscalmente detraibile nell'esercizio degli ammortamenti dei marchi è stata ridotta all' 1/18 del costo (aliquota massima del 5,56%), rispetto alla precedente misura dell' 1/10 del costo stesso (si veda l'articolo 103 del TUIR 917/86).
Si rammenta che dal punto di vista civilistico, l'ammortamento dei marchi deve invece avvenire "sistematicamente" in relazione alla residua possibilità di utilizzazione.

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 73 del 13 settembre 2016 è stata pubblicata la determinazione del 12/09/2016 n. G1071  che ha prorogato al prossimo 15 novembre i termini di scadenza per l’invio della domanda di finanziamento della Regione Lazio che mette a disposizione 10milioni di euro per favorire la nascita, lo sviluppo e la sostenibilità di Reti di imprese tra attività economiche su strada.
 
Il punto della situazione; l’avviso pubblico per il finanziamento regionale a favore delle Reti di Imprese tra attività economiche su strada.
 
Indice:
1)    Oggetto e finalità
2)    Dotazione finanziaria
3)    Definizione, tipologie e localizzazione delle Reti
4)    Fattori strategici delle reti
5)    Il soggetto promotore
6)    Il soggetto beneficiario
7)    Il programma di Rete e le tipologie di intervento ammissibili
8)    Manager di rete
9)    Spese ammissibili e non ammissibili
10)    Tempi e procedure per la presentazione delle domande di finanziamento
11)    Istruttoria delle domande di finanziamento
12)    Ammissibilità delle domande
13)    Valutazione delle domande di finanziamento
14)    Tipologia e misura del finanziamento
15)    Modalità di erogazione del finanziamento
 

#1 La legge della Leadership: È meglio essere i primi che meglio degli altri.

#2 La legge della Categoria: Se non potete essere primi di una categoria, inventatene una nuova in cui diventarlo.

#3 La legge della Mente: È meglio essere primi nella mente del potenziale cliente che i primi sul mercato.

#4 La legge della Percezione: Il marketing non è una battaglia di prodotti, è una battaglia di percezioni.

#5 La legge della Focalizzazione: Il concetto più potente del marketing è possedere una parola nella mente del potenziale cliente.

Le rilevazioni Unioncamere-Infocamere sulla nati-mortalità delle imprese nel II trimestre fotografano una dinamica territoriale particolarmente favorevole per il Sud Italia.
Più del 38% delle 38mila nuove attività create tra aprile e giugno sono residenti al Mezzogiorno e la loro dinamica percentuale del tasso di crescita è dello 0,73% (in crescita rispetto agli ultimi 2 anni), contro lo 0,63% della media nazionale.
Quest’ultimo trimestre, quindi, conferma un trend già iniziato nel 2008; da allora infatti la quota del saldo nazionale delle aziende del Sud ha registrato un forte incremento, passando dal 29 al 38,1% di giugno 2016.

Sul piano dei comparti, il Commercio ha ottenuto il miglior saldo di periodo tra imprese chiuse e nuove attività, con un aumento di 8.924 unità. Sugli altri gradini del podio i servizi di alloggio e ristorazione (+6.052) e l’agricoltura (+5.007). In termini relativi, invece, sono i servizi alle imprese ad ottenere la performance di periodo migliore, incrementando di 1,63 punti percentuali il numero di attività rispetto al trimestre precedente. Seguono le attività artistiche, sportive e di intrattenimento (+1,46%) e sanità e assistenza sociale (+1,43%).
Tra le nuove iniziative economiche più della metà sono costituite in forma di società di capitali (19.259 unità in più) - in crescita rispetto all’anno passato - mentre le altre forme giuridiche non registrano miglioramenti nel saldo.
Ad oggi le imprese iscritte al Registro delle imprese delle Camere di commercio superano le 6 milioni di unità, un terzo delle quali localizzate nella circoscrizione Sud e Isole. Il dato positivo è che tutte le regioni hanno chiuso il trimestre con saldi positivi tra aperture e chiusure.

In ultima analisi, appare evidente come il motore del Sud stia spingendo la locomotiva dell’economia italiana che, ancora rallentata dalla recessione, sta tentando di riprendere una velocità di crociera adeguata ad una delle potenze dell’eurozona.
 
Articolo redatto dal Dott. Riccardo Cerulli - 18/09/2016
Sono 930 le imprese agricole che hanno risposto alle domande dell’indagine qualitativa sull’accesso al credito condotta dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (Ismea) alla fine del 2015 e l’analisi delle risposte aggregate ha evidenziato luci ed ombre del comparto, nonché alcune specificità.
 
La prima tra le note distintive è l’assenza di credit crunch, poiché nel 2015 gli impieghi concessi al settore agricolo sono cresciuti di mezzo punto percentuale rispetto all’anno precedente, con un valore assoluto di 44 miliardi di euro. Tale dato positivo va comunque considerato alla luce di due importanti aspetti, ovvero il limitato peso dell’agricoltura nel complesso del credito bancario (5%) e la fuoriuscita dal mercato di quasi il 10% degli operatori tra il 2012 ed il 2015 (fonte Infocamere).

Di particolare interesse risultato le risposte fornite dalle aziende aderenti all’indagine in merito alle motivazioni addotte per il ricorso al credito durante il 2015. Tra queste, infatti, il 52% ha dichiarato di recuperare liquidità al fine di sostenere la mera attività ordinaria (il 7% in più rispetto al 2014) e il 43% è ricorso al credito per investimenti a medio-lungo termine, quali - ad esempio - la costruzione di fabbricati rurali, l’acquisto di macchinari o attrezzature (il 9% in più rispetto al 2014). Infine, risultano praticamente nulli i prestiti richiesti dalle aziende agricole per sostenere l’innovazione, in attesa, molto probabilmente, dell’arrivo dei bandi per i Programmi di Sviluppo Rurale (PSR) 2016.

A conti fatti, solo un quinto delle aziende agricole è ricorsa al credito bancario nel 2015, confermando i trend degli anni passati e la forte propensione del settore al ricorso quasi esclusivo al capitale proprio, nonostante sia in miglioramento la percezione dell’accesso al credito. In questo senso, un forte contributo arriva dalla riduzione dei tassi di interesse dei prestiti e dal ridimensionamento delle garanzie richieste dagli istituti bancari.
Nonostante i dati sul settore agricolo possano apparire almeno in parte rassicuranti, gli operatori del settore primario si sono espressi con preoccupazione in merito alla richiesta di credito, poiché dovuta sostanzialmente a problemi finanziari determinati da crediti non riscossi e da debitori insolventi.
La criticità più evidente, quindi, risulta l’espulsione dal mercato delle Micro, Piccole e Medio Imprese (MPMI), le quali rispondono con maggiori difficoltà alle crisi di liquidità rispetto ad aziende più strutturate.
 
Articolo redatto dal Dott. Riccardo Cerulli - 18/09/2016
Operare attraverso una collaborazione tra imprese è un elemento caratterizzante delle modalità operative di lavoro delle micro e piccole imprese italiane. All’interno di questo "mondo aggregativo" oggi vi parlerò delle principali differenze che passano tra un rete di imprese contratto e un consorzio.
 
Il Consorzio è il contratto con il quale due o più imprenditori “istituiscono un’organizzazione comune per la disciplina o per lo svolgimento di determinate FASI delle rispettive imprese” (articolo 2602 codice civile).
Nel Contratto di Rete invece la collaborazione flessibile tra le imprese è finalizzata ad esercitare una o più attività rientranti nei rispettivi oggetti sociali delle aziende retiste e può consentire anche lo svolgimento di un’attività economica comune nuova, diversa ed autonoma rispetto alle singole fasi della stessa e che si focalizza sul perseguimento di condivisi obiettivi strategici di crescita - individuale e collettiva - attraverso la realizzazione di un PROGRAMMA COMUNE di rete che rappresenta il fulcro e la giustificazione del contratto di rete stesso.

Il Consorzio è un nuovo soggetto giuridico autonomo e distinto rispetto alle imprese consorziate ed ha una propria partita Iva.
Nella "Rete contratto" non sia ha invece la costituzione di un nuovo soggetto giuridico e le imprese partecipanti restano indipendenti.
 
L’attività (più circoscritta) del Consorzio è strumentale all’attività dei consorziati, ponendo in essere una funzione essenzialmente mutualistica.

feed-image Feed Entries