Documento CNDCEC: «Linee guida per l’organizzazione del collegio sindacale incaricato della revisione legale dei conti» (.pdf)

Data di pubblicazione: Febbraio 2012
Abstract: «Il diritto positivo italiano attribuisce, al ricorrere di determinati presupposti, lo svolgimento della revisione oltreché al revisore anche al collegio sindacale. Diversamente, la prassi internazionale, nonché gli stessi principi nazionali e internazionali di revisione sono stati elaborati facendo riferimento al revisore unico. Quest’ultimo può avvalersi di strutture complesse, che rispondendo però ad una logica verticistica, assicurano che il responsabile della revisione legale sia uno ed un solo soggetto.
È opportuno precisare, in modo da collocare correttamente anche le scelte effettuate nel presente documento, che tra il collegio sindacale ed il revisore vi è una profonda differenza di funzioni. Il collegio sindacale è un organo sociale a composizione plurima e paritetica, mentre il revisore è un singolo prestatore di servizi. Tale complessivo contesto fa sì che le metodologie ed i comportamenti dettati per i revisori dai principi di revisione non possano essere automaticamente traslati in capo all’organo di controllo interno, ma si applichino al collegio sindacale tenendo conto delle peculiarità di un organo collegiale. Infatti pur continuando, e non potrebbe essere diversamente, ad essere applicata al collegio sindacale la propria disciplina positiva, relativamente allo svolgimento dell’attività di revisione troveranno applicazione le norme del D.Lgs. n. 39/2010 ivi comprese, tra le altre, le disposizioni relative all’indipendenza e ai principi di revisione applicabili. Le presenti linee guida, collocandosi in questo scenario operativo e normativo, non sono norme di deontologia professionale ma si pongono l’obiettivo di raccordare quanto previsto dalla legge e dai principi di revisione internazionali con le peculiarità del collegio sindacale, declinando lo svolgimento di attività previste dai principi di revisione nell’ambito del funzionamento del collegio sindacale. Esse intendono fornire esclusivamente dei riferimenti tecnici, anche in una prospettiva di graduale adattamento alle previsioni dei principi di revisione internazionali per il collegio sindacale che svolge la revisione legale dei conti.
La normativa applicabile alla revisione unitamente alle disposizioni che disciplinano la governance societaria, l’autonomia organizzativa del collegio e lo sviluppo di strumenti, anche informatici, per l’esecuzione di questa attività consentiranno, infatti, a ciascun collegio sindacale, alla luce dell’esperienza professionale dei suoi componenti, di declinare specifiche procedure operative nell’ambito del perimetro normativo delineato dal legislatore e in coerenza con la migliore dottrina e pratica internazionale e nazionale.
Tenuto conto delle rilevanti innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 39/2010 e della loro parziale attuazione, nonché dell’assenza di posizioni interpretative consolidate e dell’evoluzione che si riscontreranno nelle prassi operative, le linee guida saranno suscettibili di graduali adattamenti e aggiornamenti.
In relazione, infine, all’introduzione dell’organo di controllo monocratico (c.d. sindaco unico) si ritiene che ad esso sia applicabile la disciplina normativa, nonché le norme e le linee guida emanate da questo Consiglio riguardanti il collegio sindacale, in quanto compatibili».

Indice:
  • INTRODUZIONE
  • INIZIO E CESSAZIONE DELL’INCARICO
  • COORDINAMENTO TRA FUNZIONE DI VIGILANZA E FUNZIONE DI REVISIONE LEGALE
  • ORGANIZZAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE
  • SVOLGIMENTO DELL’ATTIVITÀ DI REVISIONE LEGALE
  • RELAZIONE DI REVISIONE ED IL GIUDIZIO SUL BILANCIO
  • I CORRISPETTIVI DEL SINDACO-REVISORE
  • ALLEGATI
Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed il Consiglio dei Ragionieri hanno approvato il Documento n. 315 (download .pdf), dal titolo "La comprensione dell’impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi".

Lo scopo del presente documento è quello di stabilire regole di comportamento e di fornire una guida per comprendere l’impresa ed il contesto in cui opera, incluso il suo controllo interno, nonché per valutare i rischi di errori significativi nella revisione contabile del bilancio.
L’importanza della valutazione del rischio da parte del revisore come base per la definizione delle procedure di revisione in risposta ai rischi identificati e valutati è trattata nella descrizione del rischio di revisione fornita nel documento n. 200 “Obiettivi e principi generali della revisione contabile del bilancio”.
Guida all’utilizzo dei principi di revisione internazionali nella revisione delle piccole e medie imprese (download .pdf)

La presente ‘‘Guida all’utilizzo dei principi di revisione internazionali nella revisione contabile delle piccole e medie imprese’’ predisposta da Small and Medium Practices Committee dell’International Federation of Accountants (IFAC) nell’ottobre 2010 in lingua inglese, è stata tradotta in italiano dal Consiglio  Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili nel settembre 2011 e riprodotta con il permesso dell’IFAC.
Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed il Consiglio dei Ragionieri hanno approvato il Documento n. 540 (download .pdf), dal titolo "La revisione delle stime contabili".

Lo scopo del presente documento è di stabilire regole di comportamento e fornire una guida per la revisione delle stime contabili contenute nel bilancio di esercizio. Il presente documento non è rivolto alla revisione di bilanci e dati previsionali, anche se alcune procedure contenute nel documento possono essere idonee a questo ultimo scopo.
Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed il Consiglio dei Ragionieri hanno approvato il Documento n. 1005 (download .pdf), dal titolo "Considerazioni sulla revisione delle imprese ed enti minori".

I principi di revisione esprimono i principi fondamentali nonché le procedure essenziali che servono da guida per la revisione dei bilanci di qualsiasi impresa, indipendentemente dalle dimensioni, forma giuridica, compagine sociale o struttura direzionale, o il tipo di attività svolta. È comprensibile che, la revisione dei bilanci delle imprese ed enti minori richieda delle considerazioni particolari. Questo documento non prescrive alcun nuovo requisito per la revisione delle imprese ed enti minori, né prevede per le stesse alcuna esenzione rispetto ai requisiti definiti dai principi di revisione e, quindi, la revisione deve essere condotta conformemente a tali principi.

L’obiettivo di questo documento è di descrivere le caratteristiche che di norma si riscontrano nelle imprese ed enti minori e di indicare come tali caratteristiche possono influenzare l’applicazione dei principi di revisione.

Il documento comprende:
  • esame delle caratteristiche delle imprese ed enti minori;
  • guida all’applicazione dei principi di revisione.
Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed il Consiglio dei Ragionieri hanno approvato il Documento n. 240 (download .pdf), dal titolo "La responsabilità del revisore nel considerare le frodi nel corso della revisione contabile del bilancio".

Lo scopo del presente documento è quello di stabilire regole e di fornire una guida in merito alla responsabilità del revisore nel considerare, nella revisione contabile di un bilancio, la possibile esistenza di frodi.
Principi di vigilanza e controllo dell’Organo di revisione degli Enti locali:
  • Documento n. 1 - l’organo di revisione: nomina, accettazione, incompatibilità, ineleggibilità e funzionamento, funzioni
  • Documento n. 2 - l’organo di revisione: funzione di vigilanza e di controllo contabile
  • Documento n. 3 - l’organo di revisione: funzione di collaborazione
  • Documento n. 4 - l’organo di revisione: introduzione ai controlli sulle fasi e sugli atti di programmazione, gestione e rendicontazione
  • Documento n. 5 - l’organo di revisione: controlli sulla programmazione e sulle variazioni
  • Documento n. 6 - l’organo di revisione: controlli sulla gestione finanziaria e adempimenti contabili
  • Documento n. 7 - l’organo di revisione: controlli sulla spesa del personale
  • Documento n. 8 - l’organo di revisione: controlli sul patto di stabilità interno
  • Documento n. 9 - l’organo di revisione: controlli sugli agenti contabili
  • Documento n. 10 - l’organo di revisione: controlli sul conto economico
  • Documento n. 11 - l’organo di revisione: controlli sulla gestione e rilevazioni patrimoniali
  • Documento n. 12 - l’organo di revisione: controlli sul rendiconto
  • Documento n. 13 - l’organo di revisione: controlli sull’indebitamento
  • Documento n. 14 - l’organo di revisione: controlli sugli organismi partecipati
  • Documento n. 15 - l’organo di revisione: controlli sugli adempimenti fiscali
Il 15 dicembre 2010 il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili - CNDCEC ha redatto, con la collaborazione della
Commissione per le norme di comportamento degli organi di controllo legale delle società, il documento denominato «Norme di comportamento del collegio sindacale» (download .pdf).

Le norme in analisi raccomandano il comportamento professionale da adottare per svolgere correttamente l’incarico di sindaco.
Sono norme di deontologia professionale rivolte a tutti i professionisti iscritti nell’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili emanate in attuazione del Codice deontologico.
Ogni Norma è composta da Principi, corredati da Riferimenti Normativi essenziali e da Criteri applicativi, che forniscono ai sindaci gli strumenti operativi di riferimento per lo svolgimento delle proprie funzioni ed è accompagnata da brevi Commenti, che analizzano e chiariscono le scelte adottate, nonché le problematiche interpretative che più spesso emergono nella prassi..

Il documento affronta le tematiche più rilevanti della disciplina del sistema di controllo interno, tenendo conto sia delle modifiche apportate dalla riforma del diritto societario, con il D.Lgs. 17 gennaio 2003 n. 6, sia delle novità introdotte dal D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 che recepisce la direttiva 2006/43/CE in tema di revisione legale dei conti annuali e consolidati.
Le norme sono in vigore dal 1° gennaio 2011.
Di seguito si riportano le otto norme di comportamento contenute nel documento «Norme di comportamento del collegio sindacale»:
1. Nomina, incompatibilità e cessazione dei componenti del collegio sindacale
2. Funzionamento del collegio sindacale
3. Doveri del collegio sindacale
4. Partecipazione alle riunioni degli organi sociali
5. Poteri del collegio sindacale
6. Il riscontro e la denunzia di fatti censurabili
7. Relazione all’assemblea dei soci
8. Pareri e proposte del collegio sindacale


Cliccare qui per scaricare il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 attuazione della direttiva 2006/43/CE relativa alle revisioni legali dei conti.
feed-image Feed Entries