Modulo domanda di assegno per il nucleo familiare dei lavoratori dipendenti, modello INPS ANF/DIP cod. SR16. Clicca qui.

L’assegno al nucleo familiare (A.N.F.) costituisce un sostegno per le famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari siano composti da più persone e che abbiano redditi inferiori a quelli determinati ogni anno dalla Legge.

Il riconoscimento e la determinazione dell’importo dell’A.N.F., vengono effettuati tenendo conto della composizione e del reddito complessivo del nucleo familiare. La domanda di rideterminazione dell’assegno al nucleo familiare con decorrenza 1° luglio di ogni anno, deve essere presentata all’Ufficio responsabile del trattamento economico.

Qualsiasi variazione intervenuta nel reddito e/o nella composizione del nucleo familiare, durante il periodo di richiesta dell'ANF, deve essere comunicata entro 30 giorni

L'assegno viene pagato:

  • dal datore di lavoro, per conto dell'Inps, ai lavoratori dipendenti in attività, in occasione del pagamento della retribuzione;
  • direttamente dall'Inps nel caso in cui il richiedente sia addetto ai servizi domestici, operaio agricolo dipendente a tempo determinato, lavoratore di ditte cessate o fallite, ovvero abbia diritto agli assegni come beneficiario di altre prestazioni previdenziali.

Il diritto del lavoratore alla percezione dell’assegno si prescrive nel termine di cinque anni. Il termine di prescrizione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale è compreso il periodo di lavoro cui l’assegno si riferisce. Le richieste per periodi arretrati possono quindi essere accolte limitatamente al periodo di cinque anni precedente il mese in cui viene formulata la domanda. La prescrizione è interrotta dall’intimazione dell’Ispettorato del Lavoro al datore di lavoro, oltrechè in caso di richiesta scritta del lavoratore all’Inps o all’Ispettorato del Lavoro, Circolare INPS n.110/92.

Per ottenere l’assegno per il nucleo familiare, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo secondo le indicazioni di seguito riportate, e consegnarlo al datore di lavoro.
 
A chi spetta
L’assegno spetta ai lavoratori dipendenti i cui nuclei familiari siano composti da più persone e i cui redditi siano al di sotto dei limiti stabiliti dalla legge di anno in anno (le tabelle relative ai limiti di reddito sono disponibili sul sito dell'inps).
 
Cosa spetta
Un assegno calcolato in relazione alla composizione del nucleo familiare e ai redditi dichiarati, che viene liquidato al richiedente dal datore di lavoro.
Il coniuge del richiedente che non ha autonomo diritto all’assegno, può esercitare la facoltà di percepire direttamente la prestazione compilando l’apposita richiesta all’interno del modulo.
 
Come si compone il nucleo familiare
Ne fanno parte:
  • il richiedente l'assegno
  • il coniuge non legalmente ed effettivamente separato
  • i figli o equiparati (gli equiparati ai figli legittimi o legittimati sono: i figli adottivi, gli affiliati, i figli naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, i figli nati da precedente matrimonio dell'altro coniuge, i minori affidati a norma di legge ed i nipoti minori viventi a carico di ascendente diretto) di età inferiore a 18 anni
  • i figli o equiparati* di età compresa tra i 18 e i 21 anni, purché studenti o apprendisti, se il nucleo familiare è composto da più di tre figli (o equiparati) di età inferiore a 26 anni
  • i figli maggiorenni inabili che si trovano, per difetto fisico o mentale, nella assoluta e permanente impossibilità di lavorare
  • i fratelli, le sorelle ed i nipoti del richiedente, minori di età o maggiorenni inabili, se orfani di entrambi i genitori e non aventi diritto alla pensione ai superstiti
Se il richiedente è straniero può includere nel proprio nucleo i familiari residenti in Italia. I familiari che non risiedono in Italia, fanno comunque parte del nucleo se lo Stato estero, del quale il richiedente è cittadino, ha stipulato una convenzione internazionale con il nostro Paese, purché non abbiano diritto a trattamenti di famiglia direttamente pagati dallo Stato estero.
 
Non fanno parte del nucleo:
  • il coniuge legalmente ed effettivamente separato; il coniuge che ha abbandonato la famiglia; i figli affidati all’altro coniuge o ex coniuge (in caso di separazione legale o divorzio); i familiari di cittadino straniero non residenti in Italia; i figli naturali, riconosciuti da entrambi i genitori, che non convivono con il richiedente; i figli naturali del richiedente coniugato che non siano inseriti nella sua famiglia legittima; i figli ed equiparati* maggiorenni non inabili a proficuo lavoro;
  • i figli minorenni e maggiorenni inabili che sono coniugati;
  • i fratelli, le sorelle ed i nipoti del richiedente – anche se minorenni o inabili - che sono orfani di un solo genitore o titolari di pensione ai superstiti oppure che sono sposati; i genitori e gli altri ascendenti.
Documenti da allegare
Per particolari condizioni di seguito indicate, è necessario compilare e presentare preventivamente all’ufficio Inps della propria zona di residenza il modulo ANF42 per ottenere l'autorizzazione rilasciata dall'Inps con il modulo ANF43 da allegare a questa domanda:
  • figli e equiparati di genitori legalmente separati o divorziati
  • figli naturali (propri o del proprio coniuge) riconosciuti dall’altro genitore
  • figli del coniuge nati dal precedente matrimonio sciolto per divorzio
  • figli o equiparati di età compresa tra i 18 e i 21 anni, purché studenti o apprendisti, se il nucleo familiare è composto da più di tre figli (o equiparati*) di età inferiore a 26 anni
  • fratelli, sorelle, nipoti
  • nipoti minori a carico del richiedente, nonno/a
  • familiari maggiorenni inabili, in assenza della documentazione sanitaria che attesta lo stato di invalidità al 100% con l’assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa
  • familiari minorenni in assenza della documentazione sanitaria che attesta il diritto all’indennità di accompagnamento o la persistente difficoltà a svolgere funzioni o compiti propri della loro età
  • familiari residenti all’estero in uno Stato dell’Unione europea o in uno Stato convenzionato minori affidati a strutture pubbliche e collocati in famiglia
Il modulo ANF42** deve essere compilato anche nel caso in cui il coniuge del richiedente, che non sia legalmente ed effettivamente separato o divorziato, non abbia firmato la dichiarazione di responsabilità all'interno di questo modulo di domanda. Per includere i figli naturali del richiedente non convivente, riconosciuti da entrambi i genitori, oltre all’ANF 43 occorre allegare il modulo ANF/FN
 
Dichiarazioni di responsabilità
La dichiarazione di responsabilità propria o del coniuge che si trova all’interno del modulo (pag. 6 e 7) deve essere firmata ed accompagnata dalla copia di un documento di riconoscimento
 
Comunicazione di variazione
Se cambia la composizione del nucleo familiare, è necessario barrare la casella “ variazione situazione del nucleo familiare dal ”e presentare il modulo al datore di lavoro, entro 30 giorni dal verificarsi della variazione.

TAG: