Modulo domanda di assegno per il nucleo familiare dei lavoratori dipendenti, modello INPS ANF/DIP cod. SR16. Clicca qui.

L’assegno al nucleo familiare (A.N.F.) costituisce un sostegno per le famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari siano composti da più persone e che abbiano redditi inferiori a quelli determinati ogni anno dalla Legge.

Il riconoscimento e la determinazione dell’importo dell’A.N.F., vengono effettuati tenendo conto della composizione e del reddito complessivo del nucleo familiare. La domanda di rideterminazione dell’assegno al nucleo familiare con decorrenza 1° luglio di ogni anno, deve essere presentata all’Ufficio responsabile del trattamento economico.

Entro il 31 marzo 2017 (novità), i sostituiti d’imposta che hanno corrisposto nel 2016 compensi a lavoratori dipendenti, autonomi, professionisti o corrisposto provvigioni ad agenti e rappresentati di commercio sono obbligati alla consegna delle certificazioni delle ritenute d’acconto versate ai sostituiti.
La certificazione delle ritenute - che fino all'anno 2014 poteva redigersi in forma libera - deve dal 2015, essere "riportata" sul modello di Certificazione Unica "CU" ufficiale che dovrà essere trasmesso telematicamente all'Agenzia delle Entrate entro il sette marzo 2017; attenzione quest'anno l'invio precede quindi la consegna della certificazione unica.
 
La certificazione è quanto mai necessaria ai soggetti che hanno subito le ritenute, in quanto costituisce titolo per scomputare l’importo di queste dall’imposta lorda dovuta sul reddito. Nell’art. 22, c. 1, lett. c), del TUIR viene stabilito che “dall’imposta lorda si scomputano le ritenute alla fonte a titolo di acconto operate, anteriormente alla presentazione della dichiarazione dei redditi, sui redditi che concorrono a formare il reddito complessivo e su quelli tassati separatamente”.
 
Sanzioni 2016 previste:
Certificazione unica omessa, errata o tardiva: sanzione di 100 euro, con un tetto massimo per ciascun sostituto di imposta pari a 50mila euro;
CU inviata entro il 7 marzo e poi corretta e ritrasmessa nei successivi cinque giorni: nessuna sanzione;
CU inviata entro il sette marzo e successivamente corretta e ritrasmessa entro i successivi 60 giorni: sanzione ridotta ad euro 33,33.
 

Clicca qui per scaricare i modelli e le istruzioni ufficiali della CU 2017 

 

Fac simile modello certificazione ritenuta di acconto:

 

OGGETTO: COMPENSAZIONE VOLONTARIA DI CREDITI E DEBITI TRA
 
— (cognome e nome)………………........…, nato a…......…..…., il……..….., residente in ………………, via ……....………….,  n. ……, cod. fisc …..………....................,
e
— (cognome e nome)……........……………, nato a……..…........, il……..….., residente in ………………, via ………………...., n. ……, cod. fisc ……….......................,
 
PREMESSO CHE
 
il sig ………………….…..è titolare di un credito di euro …………….., con scadenza il…………., nei confronti del sig ……………………, derivante da ………………………………., e che
 
il sig ……………….....… è titolare a  sua volta di un credito di euro ………………….., con scadenza il……….,  nei confronti del Sig ……………………, derivante da ………………….
Modello AA4/8 che le persone fisiche devono utilizzare per la domanda di attribuzione del codice fiscale, per la comunicazione di variazione dati e per la richiesta del tesserino/duplicato Tessera Sanitaria. Il codice fiscale di norma viene attribuito dall’Agenzia delle Entrate che, attraverso il collegamento con l’Anagrafe tributaria, riceve i dati dagli enti competenti:
– i Comuni, per i neonati, al momento della prima iscrizione nei registri d’anagrafe della popolazione residente;
– gli Sportelli Unici per l’Immigrazione, per i cittadini stranieri per i quali sia stata presentata domanda di ingresso nel territorio dello Stato per lavoro subordinato o ricongiungimento familiare;
– le Questure, per i cittadini stranieri che richiedono il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

(Provvedimento Agenzia Entrate n. 77107 del 24.6.2013 - download .pdf):
 
Clicca sotto per scaricare gratuitamente un fac simile di scheda carburante.
 
 
I soggetti Iva che vogliono detrarre l'acquisto di carburante per autotrazione, devono compilare, mensilmente o trimestralmente e per ogni veicolo a motore utilizzato, una scheda carburante.
 
Tra i dati obbligatori da indicare sul documento vi è anche il numero dei chilometri risultante a fine mese dall'apposito misuratore. Sono esclusi da tale obbligo gli esercenti arti e professioni.


TAG:

Clicca qui per scaricare il modello da presentare all'Agenzia delle Entrate per richiedere il duplicato della tessera sanitaria. Si rammenta che sulla domanda va indicato anche il codice della motivazione della richiesta indicando 1 per furto smarrimento della tessera, codice 2 in caso di mancato recapito e il codice 3 per la sostituzione.

Ti potrebbe anche interessare:

Canone RAI dichiarazione sostitutiva di non detenzione di apparecchio TV
La dichiarazione (predisposta sull'apposito modello approvato dalle Entrate) dev'essere presentata direttamente dal contribuente o dall’erede utilizzando un’apposita applicazione web, disponibile sul sito internet dell’Agenzia, tramite Fisconline o Entratel oppure per mezzo di intermediari abilitati;
qualora la trasmissione telematica non sia possibile, il modello potrà essere inviato:
a) assieme a un documento di riconoscimento, per posta (in plico raccomandato senza busta) al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. - Sportello abbonamenti tv - Casella Postale 22 - 10121 Torino;
b) tramite pec, all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..
 
L’articolo 1899 del Codice Civile “Durata dell'assicurazione” - così come modificato dal Decreto Bersani e dalla Legge n. 99/2009 - testualmente recita: “L'assicurazione ha effetto dalle ore ventiquattro del giorno della conclusione del contratto alle ore ventiquattro dell'ultimo giorno della durata stabilita nel contratto stesso. L'assicuratore, in alternativa ad una copertura di durata annuale, può proporre una copertura di durata poliennale a fronte di una riduzione del premio rispetto a quello previsto per la stessa copertura dal contratto annuale. In questo caso, se il contratto supera i cinque anni, l'assicurato, trascorso il quinquennio, ha facoltà di recedere dal contratto con preavviso di sessanta giorni e con effetto dalla fine dell'annualità nel corso della quale la facoltà di recesso è stata esercitata. Il contratto può essere tacitamente prorogato una o più volte, ma ciascuna proroga tacita non può avere una durata superiore a due anni.
Le norme del presente articolo non si applicano alle assicurazioni sulla vita”

Per disdire la propria polizza infortuni è quindi di norma sufficiente inviare una lettera preferibilmente mediante raccomandata a/r con un preavviso di almeno 60 giorni prima della fine dell’annualità.
Nella lettera andranno indicati tutti i dati del contrante come indicati nel contratto, il numero di polizza e la compagnia assicuratrice. Al modello firmato è poi opportuno allegare una fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore.
 
Di seguito si riporta un fac simile della lettera di disdetta:

feed-image Feed Entries