Per poter raccogliere gli elementi indispensabili per la predisposizione dei numerosi quesiti che giungono all’Autorità Di Vigilanza per i Contratti Pubblici (AVCP) in merito alla emissione dei Certificati Esecuzione Lavori (CEL), l’Avcp ha predisposto un formulario che i richiedenti dei pareri dovranno compilare. Il modello è pubblicato nella sezione Servizi-Modulistica.

 

II contratto di affitto di beni immobili ha una durata minima prevista dalla legge, che non è derogabile dalle parti e secondo quanto stabilito dall’art. 1372 del codice civile, può essere interrotto solo con il mutuo consenso di tutte le parti. E’ però possibile il recesso unilaterale dell’inquilino con il quale il rapporto di affitto si interrompe decorso il termine di sei mesi. Più precisamente si parla di recesso convenzionale quando esiste una precisa clausola contrattuale che regola l’interruzione anticipata del contratto; si parla invece di recesso legale quando questo potere è concesso da una norma di legge.
Se il contratto di locazione nulla dice sul recesso anticipato del conduttore allora l’inquilino potrà comunque recedere anticipatamente dal contratto di locazione ad uso abitativo ai sensi dell’articolo 3 della Legge n. 431/98, qualora ricorrano gravi motivi che dovranno essere menzionati nella raccomandata che lo stesso inquilino invierà al locatore con un preavviso di almeno sei mesi.
Questi gravi, involontari, imprevedibili e sopravvenuti motivi possono ad esempio essere rappresentati dal trasferimenti per motivi di lavoro, da problemi di salute che rendono la casa non più idonea all’uso e all’allargamento del nucleo familiare.
Anche a seguito del recesso l’inquilino dovrà pagare i canoni di affitto pattuito fino all'effettivo rilascio dell'immobile non potendo imputare al pagamento degli stessi la cauzione a suo tempo versata in quanto posta a garanzia di eventuali danni alla casa.  Sarà poi il conduttore a dover effettuare il versamento dell’imposta di risoluzione pari ad euro 67,00 che andrà pagata mediante il modello F24 Elementi identificativi indicando il codice tributo 1503.
Chiunque verifichi nella Centrale Rischi della Banca d'Italia un’informazione errata a suo nome, può rivolgersi direttamente all’intermediario che ha effettuato la segnalazione per la sua variazione.
E' anche possibile chiedere alla Banca d’Italia di far correggere agli intermediari segnalanti le notizie errate trasmesse.

Clicca qui per scaricare un fac simile di lettera di richiesta rettifica segnalazioni in Centrale Rischi
 
Fac simile lettera raccomandata anatocismo da inviare alla banca e per conoscenza alla Banca d’Italia – Ufficio Vigilanza.
Oggetto: rapporto di apertura di credito in conto corrente n. ______, intrattenuto con la Vostra banca, Filiale di __________ ripetizione degli interessi anatocistici ed altre indebite competenze.
Il sottoscritto (indicare le generalità complete, ed eventualmente il numero di telefono e indirizzo di posta elettronica) con la presente Vi comunica e significa quanto segue.

Ricorso per la separazione consensuale in assenza di figli
 
TRIBUNALE  DI ....
Ricorso per separazione consensuale

 
Nell’interesse del signor ..., nato a ..., il ...,  residente in ..., Via .... Codice Fiscale: ... e della signora ..., nata a ..., il ..., residente in ..., Via .... Codice Fiscale: ..., entrambi elettivamente domiciliati in ..., via ..., presso e nello studio dell’Avv. ... (Codice Fiscale: ...) che li rappresenta e difende giusta procura in calce al presente atto.
L’Avv. ... dichiara di voler ricevere le comunicazioni e le notificazioni relative al presente procedimento presso il seguente numero di fax: ..., e presso il seguente indirizzo di posta elettronica certificata: ...
 
PREMESSO CHE
  • i coniugi ... avanti costituiti, hanno contratto matrimonio con rito concordatario (oppure civile) il ..., in ... con atto trascritto presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune di ....;
  • il regime patrimoniale vigente tra i coniugi è quello della comunione dei beni/separazione di beni;
  • dall’unione coniugale non sono nati figli;
  • la moglie svolge libera professione, percependo un reddito medio annuale negli ultimi tre anni al netto di imposta di circa € ...;
  • il marito è dipendente della società ... con sede in ... dove svolge la professione di ... percependo  un reddito annuale al netto di imposta di circa € ...;
  • da tempo sono sorte incomprensioni e si sono verificati fatti tali da rendere insostenibile la prosecuzione della convivenza;
  • i tentati esperiti dai ricorrenti, volti a recuperare detto rapporto, sono risultati vani;
  • il marito su comune accordo dei coniugi si è allontanato dalla casa coniugale sita in ..., via ...;
  • i ricorrenti, sono addiventuti alla decisione di separarsi consensualmente alle seguenti
CONDIZIONI:
  • I coniugi vivranno separati con l’obbligo del reciproco rispetto;
  • La casa coniugale, sita in ..., via ... di proprietà di ... è assegnata alla moglie con gli arredi e corredi dell’abitazione e il marito se né è già allontanato asportando indumenti ed effetti personali e alcuni elementi di arredo di intesa con la moglie;
  • I coniugi hanno già provveduto alla divisione di comune accordo delle somme di denaro in comunione esistenti con accordo distinto;
  • I coniugi dichiarano di essere economicamente autonomi ed indipendenti e pertanto rinunciano reciprocamente ad ogni richiesta di contributo al proprio mantenimento;
  • Le spese del presente procedimento sono a carico di entrambi i coniugi in pari misura, tutto ciò premesso e concordato i Signori ... e ... come in epigrafe rappresentati, domiciliati e difesi,
RICORRONO
a Codesto On. le Tribunale, affinché, previa comparizione personale dei coniugi e previo espletamento del tentativo di conciliazione, ove questo riporti esito negativo, autorizzi i ricorrenti a vivere separati alle condizioni sopra concordate e provvedere alla conseguente omologazione.
 
Si producono i sotto indicati documenti:
  1. estratto dell’atto di matrimonio;
  2. certificato di stato di famiglia dei coniugi;
  3. certificato di residenza dei coniugi;
  4. CUD relativo ai redditi degli ultimi tre anni di ...
  5. Modello UNICO relativo ai redditi degli ultimi tre anni di ...
Il sottoscritto Avv ... in ossequio a quanto disposto dal D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 e successive modifiche (t.u. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia) dichiara che per il presente procedimento il versamento del contributo unificato è dovuto nella misura di € ....
 
Con osservanza.
Luogo e data
 
Firma moglie                                           Firma marito

 
Firma Avvocato
Dichiarazione sostitutiva di certificazione di assenza di figli minori e/o non autosufficienti (art. 46 del dpr 28 dicembre 2000, n. 445; art. 12, d.l. n. 132/2014 – l. N. 162/2014)
Il sottoscritto ........ nato a .......................... il ........................., residente a ..........(...........), in ..................................... n. ......,
e
la sottoscritta ........ nata a .......................... il ........................., residente a ..........(...........), in ..................................... n. ......,
consapevoli delle sanzioni penali stabilite dalla legge per false attestazioni e mendaci dichiarazioni (art. 76, DPR n. 445/2000) e della decadenza dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base di dichiarazioni non veritiere (art. 75, DPR n. 445/2000), sotto la propria personale responsabilità:
 
DICHIARANO DI
  • non essere genitori di figli minori;
  • non essere genitori di figli maggiorenni incapaci;
  • non essere genitori di figli maggiorenni portatori di handicap grave (art. 3, comma 3, L. n. 104/1992);
  • non essere genitori di figli maggiorenni economicamente non autosufficienti.
(luogo e data)                                                                                               I Dichiaranti
 
Informativa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003: I dati sopra riportati sono prescritti dalle disposizioni vigenti ai fini del procedimento per il quale sono richiesti e verranno utilizzati esclusivamente per tale scopo.
TRIBUNALE DI ...
RICORSO PER SEPARAZIONE CONSENSUALE DEI CONIUGI

(Da intestare al Presidente del Tribunale di ...... su foglio uso bollo)
 
I sottoscritti .............................. (indicare le generalità complete di entrambi i coniugi, con recapito telefonico, codice fiscale, titolo di studio ed attività lavorativa)
premesso che:
  • hanno contratto matrimonio (concordatario o civile) in ____________,  trascritto nel Registro degli Atti di Matrimonio dell’Ufficio dello Stato Civile di detto Comune;
  • il regime patrimoniale della coppia è quello della _______________ (indicare se “separazione dei beni” o “comunione dei beni”);
  • all’atto del matrimonio erano _____________ ( indicare lo stato civile);
  • dal matrimonio è nato il figlio (indicare data di nascita dello stesso)
oppure:
  • dal matrimonio sono nati i figli  (indicare data di nascita degli stessi);
  • la casa coniugale è posta in _______________ (indicare Comune e Provincia);
  • insanabili divergenze tra i coniugi rendono intollerabile la prosecuzione della loro convivenza;
  • di fatto vivono già separati dal giorno _____________ e la separazione è tutt’ora in essere (voce da inserire nel caso che la separazione di fatto sia già avvenuta);
  • non hanno beni mobili od immobili da dividere, avendo già effettuato quanto necessario al riguardo;
 
RICORRONO
al Sig. Presidente dell’intestato Tribunale affinché, letto il ricorso, voglia fissare con proprio decreto l’udienza di comparizione dei coniugi avanti a sé e, all’esito negativo del tentativo di conciliazione, il Tribunale voglia pronunciare, con decreto di omologa, la loro separazione, alle seguenti condizioni:
  • i coniugi vivranno separati, libero ciascuno di stabilire la residenza ove meglio creda, con obbligo reciproco di comunicare eventuali mutamenti di residenza o domicilio;
  • il figlio o i figli minori sono affidati ad entrambi i genitori, e gli stessi dimoreranno nella casa del padre/della madre;
  • nell’ipotesi in cui il caso precedente sia impossibile, la voce da inserire è la seguente: il figlio o i figli minori sono affidati esclusivamente alla/al ______________ per la seguente motivazione _______________________________________________________________ con facoltà per il/la _______________ di vederlo/li e tenerlo/li con sé ogni qualvolta lo riterrà opportuno, previo accordo con il coniuge affidatario e compatibilmente con gli impegni scolastici e sportivi dello stesso o degli stessi; le vacanze natalizie e pasquali seguono il criterio dell’alternanza;
  • la casa coniugale è assegnata alla/al ____________ ;
  • le vacanze estive e quelle invernali saranno concordate secondo le esigenze di entrambi i coniugi;
  • il/la ________________ corrisponderà, entro il giorno ____ del mese, €. ________ mensili, (minimo €.200,00= per ogni figlio), rivalutabili secondo l’indice Istat, per il mantenimento del minore o dei minori;
  • le spese straordinarie, previamente concordate, (mediche non mutuabili, scolastiche, per sport, per vacanze, ecc.) saranno a carico di entrambi i coniugi nella misura del _______% (specificare se al 50%  o con quale altra  percentuale);
  • entrambi i coniugi rinunciano a qualsiasi obbligo di mantenimento, essendo economicamente autosufficienti (fermo restando l’obbligo di mantenimento per i figli);  
oppure
  • il coniuge ____________ (specificare quale) garantirà, entro il giorno _________ di ogni mese, la somma di  €._________ come obbligo di mantenimento;
  • entrambi i coniugi rinunciano reciprocamente a qualsiasi limitazione dei documenti di espatrio e consentono l’iscrizione dei figli minori sul proprio passaporto.
......., lì _________________
 
(Firma di entrambi i coniugi)
 
Si allegano i seguenti documenti:
  • Estratto dell’atto di matrimonio aggiornato;
  • Certificato di residenza di entrambi i coniugi o autocertificazione;
  • Stato di famiglia o autocertificazione;
  • Certificato di cittadinanza o autocertificazione;
  • Fotocopie dei documenti di riconoscimento di entrambi i coniugi.
 
N.B. – Il ricorso ed i documenti da produrre sono tutti in carta libera.

DICHIARAZIONE IN SOSTITUZIONE DI ATTO DI NOTORIETÀ

Il/La sottoscritto/a …… nato/a …… il …… residente a …… Via …… n. … consapevole delle sanzioni penali previste in caso di dichiarazione mendace (art. 76 D.P.R. 28/12/2000, n. 445)

DICHIARA

che in data …… in …… è deceduto/a …… nato/a il …… a …… di stato civile ……

SENZA LASCIARE DISPOSIZIONI TESTAMENTARIE

feed-image Feed Entries