Il codice 1038 dal 01 gennaio 2017 è stato soppresso. Al suo posto va utilizzato il codice 1040 che dal 2017 utilizzeremo quindi anche per versare le ritenute sulle provvigoni.

Il vecchio codice tributo 1038, fino al 31/12/2016, era il codice che andava indicato nel modello F24 che le aziende mandanti utilizzavano per pagare le ritenute su provvigioni, anche occasionali, di agenti e rappresentanti di commercio, procacciatori di affari, commissionari ecc. ecc. 

Il codice 6031 va utilizzato per il pagamento IVA primo trimestre relativo alle operazioni registrate nel periodo che va dal 01 gennaio al 31 marzo e da effettuare entro il 16 maggio.

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24
 

6032 IVA 2 trimestre da versare entro il 20 agosto

6033 IVA 3 trimestre da versare entro il 16 novembre

 

Altri articoli e documenti che ti potrebbero interessare:
 
Codice tributo 6740 credito imposta gasolio per autotrazione da utilizzare solo come importo a credito mediante compensazione nel modello F24. Attenzione a seguito delle novità introdotte con la risoluzione n. 39E del 20 aprile 2015 nella compilazione del modello F24, per l’utilizzo del codice 6740 in compensazione, occorrerà ora indicare nel campo ratezione il trimestre solare e l’anno di riferimento del consumo di gasolio nel  formato NNRR.  Nel campo anno di riferimento andrà indicato, nel formato AAAA, l’anno di presentazione della dichiarazione di riferimento.

Tag: Benefici gasolio autotrazione

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24
 
Il codice tributo 6099 è il codice che viene utilizzato per il pagamento, in unica soluzione o come prima rata, dell'IVA a saldo relativa all'anno d'imposta risultante dalla dichiarazione annuale.

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24 con importo a debito e a credito.

L’obbligo di versamento dell'IVA dovuta in base alla dichiarazione sussiste solo per gli importi
 superiori agli euro 10,33. Il versamento va eseguito entro il  16 marzo 2017 (unica soluzione o rateizzatto) o entro il 30 giugno 2017Nello specifico:
 
  • Pagamento in un'unica soluzione al 16 marzo;

  • Pagamento in un'unica soluzione nell'ambito delle seguenti scadenze: 16 aprile, 16 naggio, 30 giugno 2017 applicando la maggiorazione dello 0,40% per ogni meseo frazione di mese di dilazione rispetto alla scadenza originaria del 16 marzo;

  • Pagamento rateizzato con un massimo 9 rate a partire dal 16 marzo con l'applicazione dell'interesse nella misura dello 0,33% mensile sulle rate successive alla prima;

  • Pagamento in un'unica soluzione unitamente alle altre imposte a debito risultanti dalla dichiarazione dei redditi al 30 giugno con la maggiorazione dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo 2017. Il versamento del saldo Iva può essere ulteriormente differito al 30 luglio applicando sulla somma dovuta al 30 giugno, al netto di eventuali compensazioni, un'altra maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi corrispettivi. Attenzione a seguito della proroga concessa e dalle precisazioni fornite dal MEF, anche il saldo Iva 2016 potrà essere pagato prendendo a riferimento le nuove scadenze, ovvero quella del 20 luglio 2017 e del 21 agosto previsti per il pagamento delle imposte sui redditi e collegate con maggiorazione dello 0,40%. Tuttavia i soggetti IVA possono rinunciare alla proroga e pagare il saldo IVA seguendo il vecchio piano di rateizzazione.

  • Pagamento rateizzato, fino a novembre 2017, unitamente alle altre imposte a debito risultanti dalla dichiarazione dei redditi. In tal caso oltre alla maggiorazione dello 0,40% si dovrà applicare anche l'interesse nella misura dello 0,33% mensile per le rate successive alla prima.

 

Ricapitolando, dopo la proroga concessa possiamo distingure generalmente tre possibili situazioni:

La tassa annuale forfetaria di vidimazione, bollatura e numerazione di registri e libri sociali, va pagata con il modello F24 online entro il 16 marzo, utilizzando il codice 7085, dalle sole società di capitali (S.p.A., società in accomandita per azioni, società a responsabilità limitata). L'importo pagato è deducibile ai fini Ires ed Irap.

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24

L'importo forfettario dell'imposta da versare dipende dal capitale sociale al 1 gennaio 2017 ed è di:

Pagamento IVA mensile di gennaio, codice tributo 6001, da versare entro il 16 febbraio.

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24
Il contribuente può rettificare l’errore commesso nella compilazione del modello F24. Le istanze di correzione devono essere inoltrate soltanto presso gli Uffici Locali in quanto non esistono altre strutture dell’Amministrazione finanziaria che svolgono questo servizio. Fac simile istanza correzione dati modello F24, clicca qui.

Codice tributo 1837 per versare l'imposta sostitutiva sulle riserve in sospensione d’imposta annullate per effetto dell’assegnazione dei beni ai soci o società trasformate - articolo 1, comma 116, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 istituto con la risoluzione n. 73/E/2016 dell'Agenzia delle Entrate.

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione

Ti potrebbe anche interessare:

Fac simile verbale assegnazione beni ai soci di una srl

Assegnazione agevolata di beni ai soci

feed-image Feed Entries